Padiglione

Alimentazione Bio

« indietro

Alce Nero

Alce Nero

Agricoltori biologici dal 1978

Siamo il marchio di oltre mille agricoltori, apicoltori e trasformatori biologici impegnati dagli anni ‘70, in Italia e nel Mondo, nel produrre cibi buoni e che nutrono bene, frutto di un’agricoltura che rispetta la terra.
Alce Nero: una storia di cambiamento, responsabilità e innovazione

La nostra storia inizia alla fine degli anni ’70. E’ una storia plurale di una grande idea forza: quella del biologico non come fine ma mezzo, come modalità di compartecipazione al cambiamento del mondo. Quella di una agricoltura e di un cibo come relazione.

Lavoriamo per darvi prodotti biologici buoni, puliti e giusti

Siamo un’impresa alimentare italiana impegnata a valorizzare qualità, identità e tipicità delle produzioni in modo innovativo, dinamico ed efficiente. Questa è la nostra mission.

Siamo agricoltori e trasformatori. Insieme coltiviamo, raccogliamo, produciamo e proponiamo cibo vero ai nostri fruitori. Lavoriamo per sviluppare un’economia sostenibile e responsabile che promuove un nuovo modo di alimentarsi e vivere. Il nostro marchio esprime la relazione reciproca ed equilibrata tra chi produce e chi utilizza, esaltando l’impegno, l’arte, i territori, la qualità e la salubrità dei nostri prodotti.

Le materie prime dei nostri prodotti, prive di residui chimici, sono ottenute in modo biologico e trasformate con tecnologie protettive dell’integrità organolettica e nutrizionale.

La nostra è un’impresa aperta a chi produce, a chi diffonde e a chi utilizza i nostri prodotti e condivide il progetto di perseguire insieme ciò che è buono, pulito e giusto.

 

info@biofiera.it     335.7187453    Iscriviti alla newsletter

Copyright (c) 2019 Edibit s.r.l - PIVA 01570971208 - privacy

Biofiera.it è supplemento di "Vivere Sostenibile", periodico mensile.

Registrazione Tribunale di Bologna n. 8314 del 15/10/2013, edito da Edibit s.r.l., inscritta al ROC al n. 2289 del 28/09/2001. Ex RNS n. 4123 del 23/03/1993. Direttore Responsabile Silvano Ventura.